Su tredici campioni di tonno, quattro presentavano la presenza di monossido di carbonio. E’ quanto rileva Altroconsumo che nei giorni scorsi ha condotto un’inchiesta su tredici punti vendita a Milano, tra banconi della grande distribuzione, pescherie tradizionali e mercati rionali. L’associazione ha segnalato i risultati dell’indagine ai ministeri della Salute e delle Politiche agricole. Ora, Altroconsumo – si legge in una nota – lungi dal creare allarmismi, si aspetta dopo questa segnalazione che le autorità sanitarie intervengano in modo mirato e tempestivo affinché prodotti non conformi non si trovino più in commercio.

Il trattamento del tonno fresco col monossido di carbonio – spiegano i consumatori – ne aumenta la durata di conservazione, gli conferisce un bel colore rosso lampone, ma è proibito dall’Unione europea. Purtroppo invece avviene ancora oggi, nonostante il problema sia noto dal 2003 e il ministero della Salute, lungo tutto il 2005, abbia effettuato ben 60 segnalazioni al sistema di allerta rapido della Commissione europea.

Per questo – prosegue Altroconsumo – a partire da oggi e sino a venerdì 20 ottobre, l’associazione indipendente di consumatori parteciperà a Sicura, la manifestazione di Modena dedicata alla sicurezza alimentare, prendendo parte a diverse sessioni di lavoro. Altroconsumo ha curato l’organizzazione del convegno e della tavola rotonda conclusivi, venerdì 20 a partire dalle ore 15,00, dedicati ai controlli, alle emergenze e agli scandali alimentari a cui parteciperanno rappresentanti del ministero della Salute, dell’EFSA, di Federalimentare e Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)