Dal prossimo 25 novembre, secondo quanto stabilito dalla Direttiva 2003/89, gli Stati membri che non avessero già provveduto con i necessari provvedimenti legislativi, regolamentari e amministrativi, devono rendere obbligatoria la dichiarazione della presenza dei solfiti sull’etichetta dei vini. Da tale data infatti non sarà più consentita l’immissione in commercio di vino che non porti in etichetta la dicitura che avverte della presenza di anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/l espressi come SO2 (rimangono vendibili fino a esaurimento delle scorte i prodotti non conformi purchè immessi sul mercato o etichettati prima di tale data).

Dovrà essere adoperata la terminologia "contiene" seguita dal nome dell’ingrediente o degli ingredienti in questione ("contiene anidride solforosa" o "contiene solfiti").

Dal momento che il nostro Paese non ha finora adottato alcun provvedimento attuativo della Direttiva 2003/89, si profilano per Italia queste conseguenze: 1) non sarà consentito esportare vini la cui etichetta sia priva della dicitura obbligatoria, nella lingua del Paese di commercalizzazione (con eventuali sanzioni amministrative e, nel caso di danni a persone allergiche, penali); 2) nel mercato italiano il vino la cui etichetta sia priva della dicitura non comporterà sanzioni amministrative (manca il decreto legislativo di recepimento che le stabilisca), ma ci saranno sanzioni penali nel caso di danni a persone allergiche non allertate dall’etichettatura.

La direttiva 2003/89/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 novembre 2003, stabilisce che la presenza di taluni ingredienti in grado provocare reazioni allergiche sia sempre indicata in etichetta, anche per i prodotti per i quali, in passato, non era obbligatorio l’elenco degli ingredienti (come il vino) e anche per i prodotti in cui la sostanza allergizzante sia presente come ingrediente di un ingrediente composto inferiore al 2% del totale degli ingredienti.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)