In autostrada contromano? Impossibile, ma qualcuno ci prova. Sono stati ben 46, lo scorso anno, i casi accertati d’imbocco di un’autostrada in contromano. Lo rivela il numero di marzo di "Quattroruote" riportando una ricerca promossa dall’Asaps (Associazione sostenitori amici Polizia stradale). "Si tratta di una manovra purtroppo sempre più consueta – si legge nello studio. – Con un alto potenziale di pericolosità. Di certo non si possono considerare semplici incidenti stradali". Secondo la ricerca, i più esposti al rischio sono i giovani (22-25 anni) di rientro dalle discoteche e gli anziani (over 65), che confondono gli imbocchi con le uscite, anche a causa di una segnaletica non sempre di immediata comprensione .

Nel 2006, questo comportamento, da imputarsi principalmente a situazioni climatiche avverse, a stanchezza, distrazione o alterazione della coscienza dovuta all’assunzione di alcol o di sostanze stupefacenti, è costato la vita a 21 persone e ha prodotto 28 feriti gravi. In 12 casi, però, il pronto intervento delle Forze dell’ordine, ha evitato tragedie.

Che cosa si può fare per ridurre il fenomeno e limitarne i danni? "Individuare ogni punto a rischio e studiare contromisure ad hoc – spiega Lorenzo Borselli, curatore della ricerca, consigliere nazionale ASAPS e sovrintendente della Polstrada – come intervenire sulla segnaletica tradizionale, realizzare portali a messaggio variabile e segnaletica azionabile dalle sale operative, così da bloccare subito il traffico. Ma anche posizionare banali ‘spire’ nell’asfalto delle rampe, che al momento di un passaggio in contromano, attivino cartelli luminosi di pericolo".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)