Il Codacons difende il decreto che impone nuove verifiche per tutti gli ascensori installati prima del 25 giugno ’99. "La sicurezza dei cittadini viene prima di tutto – afferma Carlo Rienzi, Presidente dell’associazione – e gli incidenti che coinvolgono gli ascensori sono numerosi e quotidiani, anche se non finiscono sulle pagine dei giornali. Riteniamo però che la spesa per i controlli e la messa in sicurezza degli impianti non debba svuotare le tasche di proprietari e condomini".
Per questo l’associazione chiede al Ministero delle attività produttive di imporre delle tariffe calmierate e obbligatorie per gli interventi sugli ascensori installati prima del ’99, tariffe che devono essere calcolate assieme alle associazioni dei consumatori, onde evitare esborsi gravosi a carico dei cittadini."Non vorremmo, come spesso avviene in Italia – conclude Rienzi – trovarci di fronte ad ulteriori proroghe circa la messa in sicurezza degli ascensori, né che il provvedimento si trasformi in un regalo per coloro che operano nel settore della manutenzione degli impianti".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)