"Sms consumatori" è il nuovo servizio per il cittadino ideato e realizzato dal ministero delle Politiche Agricole, in collaborazione con Intesaconsumatori (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) che sarà presentato domani, alle 13, alla sala Cavour del Mipaf. Durissima la reazione delle altre associazioni che compongono il CNCU, Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, in particolare: Adiconsum, Altroconsumo, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Movimento consumatori, Unione Nazionale Consumatori che hanno inviato una lettera al Ministro Politiche Agricole e Forestale, Gianni Alemanno, criticando l’iniziativa nel merito e nel metodo e richiedendo al titolare del dicastero di soprassedere alla presentazione del servizio.

Riportiamo di seguito il contenuto integrale della lettera:

"Onorevole Ministro,
abbiamo appreso con stupore da un comunicato stampa del suo Ministero che domani sarà presentato il nuovo servizio "SMS Consumatori", che sarebbe stato "ideato, programmato e realizzato dal Ministero delle Politiche agricole e forestali in collaborazione con Intesaconsumatori". L’iniziativa ci lascia perplessi per vari motivi. Anzitutto nel merito, perché parlare di "prezzi medi" a fronte di mercati molto variegati e di specialità ortofrutticole molto differenti tra loro per provenienza, specialità, pezzatura rende praticamente inutile una rilevazione del "prezzo medio", che costituisce non un utile riferimento ma un ulteriore elemento di confusione per il consumatore, come tutte le associazioni e la stessa Intesaconsumatori hanno costantemente denunciato.

Ma anche dal punto di vista del metodo non possiamo tacere la nostra sorpresa nel constatare che i Suoi collaboratori abbiano "ideato, programmato e realizzato" il progetto di servizio ai consumatori con una parte assolutamente minoritaria del consumerismo italiano, solo quattro associazioni sulle diciassette che compongono il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti.Peraltro il sig. Trefiletti è stato presente in questi anni al tavolo con il Ministero delle politiche agricole non in rappresentanza dell’Intesaconsumatori ma del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, che lo ha designato a questo compito. La preghiamo quindi di soprassedere alla presentazione del servizio, che non condividiamo nel merito e nel metodo.In mancanza di Sue determinazioni in questa direzione, la sottoscritte associazioni sospenderanno qualsiasi rapporto con i Suoi uffici e proporranno al CNCU il ritiro della delega al sig. Trefiletti".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)