"Metamorfosi" dell’emergenza rifiuti: da Napoli si è trasferita a Torino trasformandosi in emergenza truffe ad anziani. Nel capoluogo piemontese, infatti, sono già tre i pensionati raggirati grazie al pretesto della spazzatura, da giorni in primo piano su tutti i media: a un 85enne sono stati sottratti 1500 euro e una serie di oggetti d’oro da uno sconosciuto spacciatosi per addetto alla raccolta differenziata mentre ad un 84enne sono stati rubati oltre 2000 euro da un finto dipendente comunale incaricato di illustrare le nuove modalità di raccolta dell’immondizia.

L’Amiat (l’azienda che cura la raccolta rifiuti nel capoluogo piemontese) raccomanda a tutti i cittadini la massima attenzione: "Gli unici operatori autorizzati a contattare gli utenti porta a porta sono quelli incaricati dall’azienda, i quali sono comunque provvisti di tesserino identificativo e non sono autorizzati ad entrare all’interno delle abitazioni – chiarisce in una nota e aggiunge – la visita dei nostri operatori è comunque sempre anticipata da comunicazione affissa presso le abitazioni. Per ogni dubbio o segnalazione di irregolarità i cittadini contattino le forze di polizia".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)