Sospendere il 50% del compenso destinato a Panariello, come garanzia dei crediti degli inserzionisti evidentemente danneggiati dal forte calo degli ascolti. E’ la richiesta del Codacons alla Rai per un Festival di Sanremo che è si è rivelato "un flop e le responsabilità sono ben individuabili, per cui chi ha perso soldi investendo nel festival deve essere risarcito".

Il Festival – si legge in una nota dell’associazione – ha chiuso i battenti lasciando in molte bocche l’amaro di una edizione noiosa. Un flop che danneggia l’azienda, i telespettatori che pagano il canone, e gli inserzionisti, i quali avevano investito ingenti somme sperando in ascolti più consistenti. Lo afferma il Codacons in una nota in cui sottolinea che "Gli stessi inserzionisti che non avranno certo preso bene le dichiarazioni di Giorgio Panariello, conduttore e Direttore Artistico del Festival, che ha affermato: "Degli ascolti non me ne frega nulla".

"Se davvero Panariello non ha avuto interesse per gli ascolti di Sanremo, li restituisca lui i soldi agli inserzionisti, che invece negli ascolti del Festival avevano fortemente creduto!" – afferma Carlo Rienzi, Portavoce del Codacons.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)