Sono 892 gli assistenti familiari (badanti) e 279 gli anziani che dal settembre 2004 ad oggi hanno partecipato al Progetto ”Insieme si puo”’ promosso dal Campidoglio per dare un sostegno economico e non solo agli anziani con piu’ di 65 anni, non autosufficienti che hanno bisogno di assistenza. Il progetto prevede il pagamento, da parte del Comune, per il periodo di un anno dei contributi Inps dell’assistente familiare e la promozione della qualità del lavoro di cura domestico tramite la formazione rivolta agli assistenti familiari e la sperimentazione di un registro cittadino degli assistenti familiari formati, dando ad essi maggiori opportunita’ di inserirsi nel mercato del lavoro. Il bilancio del servizio e’ stato tracciato oggi durante il convegno ”Qualita’ di vita-Qualita’ del lavoro” ha cui ha partecipato l’assessore comunale alle Politiche sociali Raffaela Milano.

Gli assistenti che hanno aderito al progetto sono per la maggior parte stranieri (84%), e nel 16% dei casi italiani. Nel 42% provengono dall’America Latina, segue l’Europa dell’est con il 30%. Hanno un’eta’ compresa tra i 30 e i 50 anni, l’87% sono donne e nel 73% dei casi lavorano tra le 25 e le 39 ore settimanali. Gli anziani invece hanno un’eta’ compresa tra i 70 e 100 anni, un reddito inferiore a 12.000 euro l’anno e in 79 casi su 100 sono donne. ”I dati registrati – ha detto l’assessore Milano – confermano l’importanza di investire in progetti come questo, che garantiscono agli anziani non autosufficienti e alle famiglie romane la possibilita’ di accedere a servizi di cura domestici di qualita’, sostenendo nel contempo lo sviluppo professionale dei cittadini immigrati impegnati in attivita’ di cura. Vogliamo continuare su questa strada, favorendo l’incontro tra domanda e offerta, contrastando il lavoro nero anche grazie ad offerte di servizi sempre piu’ di qualita”’.

Dal 9 marzo scorso e’ stata anche avviata la sperimentazione del Registro Cittadino degli Assistenti Familiari per Anziani che raccoglie i nominativi delle persone che, avendo svolto un percorso formativo specifico, attinente l’area dell’assistenza alla persona, sono disponibili ad assistere persone anziane. Attualmente sono 265 gli assistenti familiari iscritti nel Registro. Il servizio di call center, attivo fin dall’inizio del progetto, ha ricevuto ad oggi circa 4.400 chiamate. L’ammissione al progetto ha consentito a 219 ‘coppie’ di anziani e assistenti di beneficiare di un pacchetto di interventi: accompagnamento al servizio, quando necessario visite domiciliari dell’assistente sociale, pagamento dei contributi Inps, partecipazione ai corsi di formazione, invio di sostituti per coprire le ore in cui l’assistente era impegnato nel corso.

I corsi di formazione sono stati organizzati dal Comune di Roma in collaborazione con l’Istituto Fernando Santi ed hanno avuto una durata media di 2 mesi con un impegno di 2 pomeriggi a settimana per un totale di 130 ore (distribuite tra aula e tirocini formativi). Ai corsi hanno partecipato un totale di 247 assistenti familiari, di questi 161 partecipavano al Progetto in ”coppia” e 86 erano persone non occupate.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)