Una candela per Natale, ma soprattutto per difendere i diritti umani. Sabato 13 e domenica 14 dicembre 2008 si svolgeranno in tutt’Italia le Giornate Amnesty 2008: i volontari di Amnesty International saranno presenti in oltre un centinaio di città per distribuire materiale informativo e offrire la candela, simbolo da 47 anni del movimento, in cambio di un’offerta minima di 7 euro. La candela sarà disponibile in due differenti colorazioni e confezionata in una bustina in carta riciclata con il logo di Amnesty International.

Come ogni anno, il ricavato dell’iniziativa servirà a finanziare le attività dell’organizzazione per i diritti umani. Per poter continuare a chiedere libertà per i prigionieri di opinione, processi equi e rapidi per tutti i prigionieri politici, l’abolizione della pena di morte e la fine di torture, sparizioni ed esecuzioni extragiudiziali, Amnesty International ha bisogno del sostegno economico del pubblico.

Quest’anno le Giornate Amnesty sono cariche di un significato ancora più importante: ricordano la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottata il 10 dicembre del 1948, che ha scritto, per la prima volta nella storia dell’umanità, i diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Le Giornate Amnesty 2008 sono dunque un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sui contenuti della Dichiarazione e sulla necessità che sia applicata ovunque nel mondo.

Un’attenzione particolare va poi alle donne, che subiscono, in molte parti del mondo e in diverse forme, pesanti violazioni dei propri diritti. Con la campagna "Mai più violenza sulle donne" lanciata nel 2004, Amnesty International vuole denunciare e fermare tutto questo, mettendo al centro della battaglia le violazioni dei diritti umani che subiscono le donne colpite da Hiv/Aids, che vivono nelle zone rurali del Sudafrica, alle quali sono negati i diritti di base.

In Sudafrica vivono cinque milioni e mezzo di persone colpite dal virus, il più alto numero al mondo. Il 55% dei contagi riguarda le donne. La percentuale di donne tra i poveri e i disoccupati in Sudafrica è altissima e la povertà svolge una funzione di barriera all’accesso ai servizi sanitari per le donne colpite da Hiv/Aids nelle aree rurali del paese, a causa delle distanze e dei costi di trasporto.

Le Giornate Amnesty 2008 sono patrocinate dal Segretariato Sociale della Rai e sono realizzate con la collaborazione della Cereria Di Giorgio. Nelle piazze verrà distribuito anche il Cd "17×60" realizzato dall’associazione per diffondere la cultura dei diritti umani attraverso la musica. Testimonial delle Giornate di Amnesty è la fiorettista Margherita Granbassi, che ha prestato la sua voce per lo spot radio dell’evento, La "voce" dello spot radio delle Giornate Amnesty 2008. Chi non avrà la possibilità di intervenire alle Giornate Amnesty 2008, potrà acquistare la candela on line.

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)