Si chiama "Carta E" la nuova carta di credito etica nata dalla collaborazione tra il comune di Roma e Capitalia per raccogliere fondi da destinare ad iniziative di solidarietà, che da domani sarà distribuita nelle filiali del Gruppo (Banca di Roma, Banco di Sicilia e Bipop Carire). L’iniziativa, lanciata oggi a Roma, verrà estesa a breve a tutte le principali città italiane. La Carta Etica è una normale carta di credito il cui importo pari al 3 per mille delle somme spese dai titolari, verrà devoluto dalle banche del gruppo Capitalia a favore di iniziative di solidarietà come quella per le cento donne disagiate. Il 25% dei fondi sarà impiegato per finanziare assistenza ai senza fissa dimora mentre il 75% alimenterà mensilmente carte di pagamento prepagate beneficiarie assegnate a famiglie in difficoltà economiche.

"Un’idea nata durante il convegno "Roma 2015" – ha detto il sindaco Walter Veltroni firmando l’intesa con Capitalia in Campidoglio – una scelta di grandissima importanza che consentirà di aiutare mamme in difficoltà". Capitalia ha messo a disposizione del Comune le prime 100 carte di credito prepagate che saranno distribuite nei prossimi giorni a famiglie ospitate nel circuito di accoglienza del Comune e delle associazioni. "Queste famiglie – ha proseguito Veltroni- riceveranno un fondo di spesa di 100 euro al mese che potranno spendere liberamente. Capitalia in questo modo dimostra di essere una banca sensibile con lo sguardo rivolto al sociale".

L’assessore capitolino alle politiche sociali Raffaela Milano si è soffermata sulle reti di accoglienza per le mamme con bambino attivate dal comune di Roma. "Da agosto 2004 – ha detto – sono state accolte 475 mamme in difficoltà insieme ai loro 762 bambini. Il nostro è un circuito che conta oggi
190 posti in 8 strutture dedicate e declinate per vari livelli di accoglienza".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)