Nasi rossi in trasferta nelle piazze italiane, direttamente dagli ospedali nei quali aiutano i pazienti più piccoli a sopportare la degenza. Parliamo dei volontari che, travestiti da clown, cercano di allietare in mille la permanenza in corsia dei bambini. Il 2 aprile prossimo, seconda ‘Giornata del naso rosso’, i volontari clown saranno in azione in diverse piazze del nostro Paese, al Nord come al Sud, e in altrettanti ospedali.

La manifestazione avrà inizio, contemporaneamente in tutte le piazze d’Italia, alle ore 10, per terminare per le 20, e vedrà la presenza di stand e postazioni presso le quali sarà distribuito materiale informativo a cura della Federazione VIP (Viviamo In Positivo) Italia Onlus, che dal 2003 promuove interventi di cooperazione e sviluppo, dal servizio di volontariato negli ospedali italiani agli interventi socio-educativi e umanitari nei Paesi in Via di Sviluppo, utilizzando il linguaggio universale del clown.
Il 2 aprile verranno anche distribuiti nasi rossi a offerta libera e saranno venduti prodotti realizzati dai volontari per la raccolta di fondi destinati a sostenere i progetti in Italia e all’estero.

"L’idea di questa manifestazione – spiegano dalla Federazione – nasce da un’esperienza che annualmente si ripete in Inghilterra ed in Germania e che coinvolge, attraverso una rete capillare di informazione, commercianti, aziende e persone interessate a donare disinteressatamente per cause legate all’ambito socio-assistenziale. Utilizzeremo il naso – proseguono – rosso come simbolo che racchiude in sé il messaggio del clown: la capacità di ridere di sé e delle proprie debolezze per trasformarle in opportunità di amicizia e gioia".

La Federazione porta avanti in particolare due progetti: il progetto "Vip clown-centro diurno clown circo-stanza", un Atelier rivolto agli adolescenti a rischio ed integrazione di minori extracomunitari; e il progetto "Un clown in famiglia", un intervento di assistenza domiciliare post-ospedaliera con un educatore professionale o psicologo-clown, in collaborazione con l’equipe sanitaria, rivolta a bambini con patologie gravi (oncologici, cardiopatici).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)