Il Forum "Energia e Società" , nato da un’idea di alcuni tecnici del settore che ritengono ci sia sul tema dell’energia una confusione non indifferente di programmi, di progetti, di ruoli e di prospettive, ha presentato, questa mattina a Roma, il volume "La trappola del petrolio" (Editoriale il Ponte, 2005) che contiene una minuziosa rappresentazione del vincolo geopolitico, economico e ambientale che pesa sempre più sull’umanità.

La "civiltà del petrolio" è percorsa da una dura competizione tra gli Stati per il controllo delle principali vie di approvvigionamento. All’aumento dei consumi del petrolio consegue una crescita del prezzo dello stesso. L’uso del petrolio per i trasporti e per la produzione di elettricità è una delle cause maggiori dell’inquinamento atmosferico.

Un’accentuata dipendenza dal petrolio distingue l’Italia da altre realtà relegandola ad una condizione di arretratezza. Le cause di questa condizione si individuano nel vuoto di direzione strategica del sistema energetico, nel ritardo scientifico e tecnologico e in un senso comune dominato da interessi localistici e "fondamentalismo" ambientalista.

Contro il ritardo in cui versa l’Italia e per lo sviluppo di possibili alternative al petrolio, il Forum propone di rilanciare l’evoluzione del sistema energetico italiano, disegnando un nuovo programma di sviluppo inscritto in un nuovo quadro di riferimento istituzionale, politico e culturale.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)