Comunicare con i computer non più solo attraverso i cavi ma anche via etere, dove e quando si vuole. Non c’è più bisogno del modem. Basta accendere il pc e la connessione, mediante una card dotata di antenna ricetrasmittente, avviene automaticamente. Grazie a un accordo di programma siglato qualche giorno fa dal Presidente della Provincia Matteo Renzi e dai Presidenti delle Comunità montane della Montagna Fiorentina Nicola Danti e del Mugello Stefano Tagliaferri – cui ha fatto seguito l’approvazione di un capitolato di appalto-concorso che viene oggi pubblicato da parte della Provincia di Firenze, coordinatrice del progetto, sul suo sito http://www.provincia.fi.it/ – questo nuovo tipo di comunicazione verrà avviato nel territorio a partire da tutti i Comuni montani che aderiscono alle due Comunità e poi negli altri.

"E’ forse la principale iniziativa strategica messa in piedi da un gruppo di amministrazioni pubbliche in questo settore. Non è un’esagerazione dire che ci candidiamo ad essere la San Francisco d’Italia" ha detto il presidente Matteo Renzi, facendo riferimento alla progettualità espressa dalla città californiana in collaborazione con Google. "Oggi la velocità nei collegamenti internet è fondamentale, per le aziende, ma anche per gli studenti, per le amministrazioni, per i cittadini. Operare in questo settore una svolta è una grande sfida, che la terra di Antonio Meucci, inventore del telefono, può e deve permettersi". Sulla base dell’accordo firmato in Palazzo Medici Riccardi l’appalto concorso è volto a realizzare in modo coordinato ed unitario sui territori degli enti interessati, reti e servizi per contribuire a pieno titolo e con efficacia alla creazione delle condizioni migliori per agevolare cittadini, famiglie e imprese nella transizione verso la Società dell’Informazione e superare il digital divide, il divario esistente nell’accesso alle nuove tecnologie.

A questo scopo è stato predisposto dall’Università di Firenze uno studio di fattibilità, seppur non vincolante, in tecnologia wireless (dorsali in ponte radio Sdh e accesso in tecnologia Hiperlan). Sono stati individuati un budget di risorse pubbliche di importo pari a 4,5 milioni di euro ed un cofinanziamento da parte di partner privato da individuarsi con procedura di evidenza pubblica di appalto-concorso (per la parte residua, non finanziata da risorse pubbliche) nella misura minima del 20% del costo complessivo dell’intervento di realizzazione.
Il finanziamento risulta così articolato: 3.319.000 euro mediante finanziamento fondi Cipe e legge 41, richiesti a suo tempo e ottenuti dalle Comunità montane per la realizzazione del cablaggio dei loro territori; 1.200.000 euro mediante finanziamento della Provincia fiorentina.

L’Amministrazione stima un valore complessivo dell’investimento nella rete, considerando anche il cofinanziamento dell’operatore aggiudicatario, ammontante ad almeno 5,6 milioni, e comunque nell’ambito di una procedura concepita per valorizzare progetti, predisposti liberamente dai concorrenti, anche di importo superiore.La realizzazione dell’infrastruttura a banda larga, a partire dalle aree montane si estenderà a tutto il territorio provinciale, fino a costituire un unico sistema. Essa punta ad assicurare un sistema di connettività rivolto alle utenze pubbliche e private; l’utilizzo delle opportunità offerte dalla rete per convogliarvi servizi digitali sviluppati di Provincia e Comunità montante; la riqualificazione dei territori interessati sotto il profilo delle relazioni economiche e sociali con particolare attenzione alle aree più svantaggiate; una gestione focalizzata sulle garanzie da riconoscere all’utente-fruitore anche mediante la redazione di carte dei diritti per i servizi prestati e da prestare.

La realizzazione dell’intervento e la gestione dei servizi verranno affidate a un concessionario da individuare mediante procedura di appalto-concorso da aggiudicarsi col criterio della offerta economica più vantaggiosa. L’attivazione del servizio è prevista per l’estate 2007.

"Con questo intervento – spiega il presidente della Provincia Matteo Renzi – intendiamo avviare una progettualità integrata complessiva sul tema della rete e del digital divide, che lega fra di loro lo sviluppo di nuove reti telematiche, la realizzazione di servizi digitali per i cittadini e le iniziative di innovazione tecnologica che pongono la Provincia di Firenze fra i territori più aperti al cambiamento in Italia e in Europa".

"La tecnologia wireless diventa per i territori montani, in particolare i comuni più piccoli e distanti – commenta il presidente della Comunità del Mugello Stefano Tagliaferri – una straordinaria opportunità di collegamento e comunicazione sia per i cittadini che istituzioni, attività economiche e produttive. Le rete immateriali possono più delle vie di comunicazione terrestri. La nuova dimensione della vicinanza non è più spaziale ma temporale: queste nuove infrastrutture a larga banda sono un valore aggiunto per i territori montani perché permettono di avvicinare con la velocità ciò che è distante fisicamente. E la Comunità Montana del Mugello è fiera di partecipare a questo progetto a cui contribuisce mettendo a disposizione gli investimenti a suo tempo previsti. Con questa tecnologia senza fili, infatti, ci si potrà collegare a internet via satellite e avere a disposizione servizi free per tutti: come la videocomunicazione, il telelavoro o la condivisione di banche dati e documenti annullando o riducendo gli spostamenti fisici. Per chi vive e lavora in montagna è un grande vantaggio".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)