Il Tar boccia la delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni sull’ordinamento dei canali digitali sul telecomando. E il Consiglio di Stato accoglie il ricorso d’urgenza presentato dall’Autorità, sospendendo la decisione del Tar fino al 30 agosto. Tutto come prima sul telecomando, dunque, almeno fino alla fine dell’estate.

Il Consiglio di Stato ha infatti accolto, "visti i presupposti della gravità e dell’urgenza", il ricorso di urgenza presentato dall’Agcom contro la sentenza la quale il Tar del Lazio, annullando con esecutorietà immediata la delibera 366/10, obbligava l’Autorità a predisporre subito una nuova numerazione dei canali del digitale terrestre. La sentenza del Tar è stata sospesa fino al 30 agosto.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)