Telecom Italia ha comunicato che dal 1 aprile scorso i guasti saranno riparati entro il secondo giorno successivo alla segnalazione (entro il terzo o quarto giorno nel caso in cui uno o entrambi i giorni successivi siano festivi), e che per ogni giorno di ritardo l’indennizzo sarà pari al 50% del canone di abbonamento pagato dall’utente. Soddisfazione per il cambio di rotta è stata espressa da Federconsumatori che in un esposto all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni aveva lamentato la decisione del gestore espressa all’inizio del 2006.

Con le bollette di gennaio e febbraio 2006 il gestore telefonico aveva, infatti, comunicato che a partire dal prossimo 1° aprile "il tempo massimo" per la riparazione dei guasti sarebbe passato a 96 ore successive alla segnalazione e che per ogni ora di ritardo sarebbe stato riconosciuto un indennizzo di € 0,25 per le utenze famiglie o € 0,40 per le utenze affari.

"Si tratta di una decisione importante che va a vantaggio di tutti i consumatori – commenta Angelo Ferraiuolo responsabile Dipartimento Comunicazioni di Federconsumatori – Ci auguriamo che essa segni il ritorno ad una maggiore attenzione, verso i consumatori e la tutela dei loro diritti ed interessi, da parte di Telecom Italia e degli Operatori concorrenti. Federconsumatori, da parte sua, continuerà ad impegnarsi in tale direzione presso tutte le sedi".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)