La petizione nasce da un’iniziativa spontanea, di cui dà notizia Punto-informatico.it, la newsletter specializzata sulle nuove tecnologie. Essa è finalizzata all’abolizione dei costi di ricarica per il credito fruibile da telefono cellulare: "È una cosa che accade solo in Italia – recita l’invito a sottoscrivere la petizione – mentre in tutti gli altri paesi Europei si paga ciò che si consuma". "In Italia – continua l’invito – oltre al consumo devi anche pagare il "costo della ricarica" che altro non è che un’invenzione dei gestori telefonici per fare ancora più soldi a scapito di noi consumatori. Con questa petizione i firmatari chiedono l’abolizione di questi famosi costi di ricarica, anomalia tutta italiana".

La petizione è indirizzata al Dipartimento Concorrenza, Mercato e Consumatori della Commissione Europea e all’Antitrust italiana.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)