Sarà firmato il 24 febbraio il contratto di servizio tra la Regione Lazio e Trenitalia. "Tante le novità – spiega l’assessore regionale ai trasporti, Fabio Ciani – innanzitutto le penali ridistribuite ai pendolari saranno calcolate trimestralmente e verranno applicate a fine anno con una prima maggiorazione rispetto al contratto 2005. Questo fino al 15 settembre 2006 data dalla quale, con l’entrata in vigore del nuovo orario, Trenitalia punta a migliorare gli attuali standard di puntualità dei propri treni. In caso contrario le penali subiranno un sostanziale raddoppio rispetto a quelle previste per il 2005".

Nel 2005 Trenitalia, per disservizi (ritardi e soppressioni) è stata chiamata a pagare un milione di euro di multe alla Regione. Le nuove sanzioni inserite nel contratto portano a raddoppiare le multe: si va dai 230 euro per ogni ritardo, ai 2.500 per la soppressione di un treno. Quindi se il 2006 andasse come il 2005 l’azienda di trasporto si troverebbe a pagare una multa di almeno due milioni di euro. "Ma lo strumento delle sanzioni – osserva Ciani – sarà più efficace anche per un altro motivo: nel 2005 si faceva un consuntivo del servizio dei treni regionali nel suo complesso, quest’anno lo si farà linea per linea. E avremo accesso al sistema di rilevazione Riace, gestito da Rfi, che ci consentirà di vedere in tempo reale la situazione di ogni treno".

Ma per l’azienda di trasporto non ci sono solo cattive notizie: sono infatti previsti premi per Trenitalia nel caso di un miglioramento delle performance rispetto agli standard pattuiti. L’accordo prevede inoltre che in caso di cancellazione di convogli, l’azienda garantisca il servizio sostitutivo a mezzo bus ad almeno l’80% dei passeggeri. Il rimenente 20% degli utenti, previa adeguata informazione alle stazioni, potrà usufruire di un treno successivo o ulteriore bus entro mezz’ora. Infine tutti gli abbonati della Regione Lazio, in caso di ritardo di un mezzo regionale superiore ai 20 minuti sarà consentito di accedere gratuitamente ai treni Intercity e/o Eurostar solo dopo espressa autorizzazione con annuncio in stazione.

Il contratto viene giudicato positivamente dal responsabile nazionale per il trasporto regionale, Giancarlo Laguzzi: "Si tratta di un’intesa ottima per i pendolari e, spero, buona per noi. La Regione ha capito che non è facile fare un salto di qualità in un mese. Per questo è stato deciso che le penali partano da settembre – aggiunge – quando scatterà il nuovo orario e dovranno essere attuati una serie di interventi che ci permetteranno di aumentare la qualità del servizio in modo progressivo; così avremo il tempo necessario per migliorare". Anche Piero Marrazzo, presidente della giunta regionale, ha messo in evidenza il suo parere: "Mi sono impegnato a migliorare il servizio per i pendolari della Regione, in termini di qualità e di quantità. L’accordo con Trenitalia – aggiunge – è una tappa importante di questo cammino. E’ una reciproca assunzione di responsabilità per dare ai cittadini che scelgono il treno un servizio pi_ f9 adeguato e maggiori diritti".

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)