Sono stati 27mila i giovani che hanno preso il treno per raggiungere la capitale durante il weekend scorso, in occasione del concerto del 1° maggio in piazza San Giovanni. Ben 13mila manifestanti sono giunti a Roma da regioni del Nord e del Sud; gli altri 14mila sono arrivati da Lazio, Toscana, Umbria, Campania e Abruzzo, su treni regionali. Il Gruppo FS ha messo a disposizione tre i convogli supplementari per raggiungere la Capitale da Milano, Lecce e Reggio Calabria.

Positivo il bilancio di Ferrovie dello Stato, non solo per i numeri, ma anche per quanto riguarda la civiltà dei viaggiatori: tutti erano muniti del biglietto, anche grazie all’opzione "last minute" garantita dalle squadre dell’assistenza clienti con cui centinaia di giovani hanno acquistato il biglietto direttamente alla stazione. Circa mille le persone che sono state "allontanate da Protezione Aziendale del Gruppo FS e dalla Polizia Ferroviaria perché pretendevano di viaggiare gratis in occasione dell’evento", si legge in un comunicato di FS.

Inoltre sono stati ritardati gli ultimi treni in partenza da Roma per garantire il rientro di migliaia di persone che si sono concentrate a Termini al fine concerto. Le FS hanno messo a disposizione un treno supplementare con destinazione Napoli.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)