L’Italia applica riduzioni eccessive, fino al 30%, a favore degli utenti abituali delle autostrade. Lo afferma la Commissione Europea, la quale ha inviato al nostro Paese un parere motivato per inosservanza della normativa europea in materia di pedaggi stradali. Secondo il commissario ai trasporti, Jacques Barrot, "le eccessive, di cui in pratica solo gli autotrasportatori nazionali possono usufruire, sono discorsive della concorrenza e contrastano il principio secondo cui l’utente paga".

L’obiettivo della direttiva sull’eurobollo (Direttiva 1999/62/CE) – si legge in una nota della Commissione – è eliminare le distorsioni della concorrenza fra le imprese di trasporto negli Stati membri stabilendo un meccanismo per imputare i costi dell’infrastruttura agli autotrasportatori. La direttiva definisce, paese per paese, quali sono le tasse contemplate, lasciando però ai singoli Stati membri la facoltà di stabilire le procedure di riscossione e recupero di tali tasse.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)