La regione Puglia ha presentato la campagna di comunicazione per gli sconti sugli abbonamenti al servizio di trasporto pubblico locale: lo slogan scelto per l’iniziativa, che prevede lo sconto del 10% sugli abbonamenti di bus e treni, è eloquente: "Guarda come si ridotto l’abbonamento".

Il presidente della Regione Nichi Vendola e l’assessore ai trasporti Mario Loizzo hanno precisato che "Una delle condizioni essenziali per lo sviluppo della Regione, consiste nel potenziamento dei trasporti pubblici, che rappresentano un volano decisivo sia per il rilancio dell’economia, che per il rispetto dell’ambiente e per la stessa qualità della vita nei nostri centri urbani. Ma anche gli aspetti sociali legati ai costi del trasporto vanno ugualmente considerati: ed è per questo che il governo regionale ha deciso di investire considerevoli risorse, per la tutela del reddito delle famiglie e per il diritto allo studio, avviando nel contempo una politica di effettivo rilancio dei trasporti in Puglia sia sul versante delle infrastrutture che su quello della integrazione. Per queste ragioni, la decisione di abbattere del 10% le tariffe degli abbonamenti dei treni regionali e degli autobus extraurbani (Trasporto Pubblico Regionale), per circa un milione di pendolari e studenti, ci è parso il modo più concreto per motivare l’utenza all’uso dei mezzi pubblici e per dimostrare, anche in questo settore, l’effettiva coerenza tra le cose che si promettono e le cose che si realizzano".

"E’ un’iniziativa – ha proseguito l’assessore Loizzo – che cerca di affrontare il carovita proprio quando arrivano le notizie relative agli aumenti delle tariffe e dei costi a livello nazionale e ha tre obiettivi: il sostegno alle famiglie, il sostegno al diritto allo studio e l’incentivo per tutti a lasciare l’auto per usare il mezzo pubblico. Le locandine informeranno e aiuteranno nella scelta".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)