Perché i passeggeri che vogliono recarsi a Vicenza, Padova e Venezia Mestre prendendo i treni DB-ÖBB EuroCity non possono farlo? E’ quanto chiede il Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano all’Autorità per la concorrenza ed il mercato e al Commissario Europeo responsabile dei trasporti, raccogliendo le lamentele dei cittadini e chiedendo di valutare se ci sia violazione di concorrenza e dei diritti degli utenti.

L’Associazione ricapitola la situazione: con un provvedimento del 2010 il Ministero dei Trasporti, aveva impedito le fermate intermedie sul territorio italiano dei treni DB-ÖBB EuroCity, gestiti dal consorzio Deutsche Bahn, Ferrovie federali austriache (ÖBB) e società italiana Le Nord, sulle tratte che collegano Monaco di Baviera e Innsbruck a Milano, Bologna e Venezia. A seguito di numerose iniziative, fra cui quella del CTCU, a giugno scorso il Ministro dei Trasporti ha ripristinato le fermate dei treni EuroCity DB-ÖBB in alcune delle principali stazioni e cioè Bolzano, Trento, Rovereto, Verona, per la tratta Monaco – Venezia e ritorno.

Dalla decisione del Ministero sono rimaste inspiegabilmente escluse le fermate nelle stazioni ferroviarie di Vicenza, Padova e Venezia Mestre. Ancora oggi risulta che Vicenza, Padova e Mestre continuino ad essere servite unicamente da treni "Trenitalia" e ciò obbliga gli utenti di Vicenza, Padova, Mestre e rispettive province e/o territori, che desiderino prendere treni veloci, quali sono gli Eurocity DB-ÖBB, a raggiungere Verona (nel caso di Vicenza e Padova) o Venezia Santa Lucia (nel caso di Mestre), con i treni regionali oppure con autobus, quali stazioni disponibili più vicine.

Secondo il CTCU si tratta di una decisione "arbitraria e lesiva dei diritti e degli interessi degli utenti del servizio ferroviario". "La decisione comporta, di fatto, il perpetuarsi di una situazione di monopolio nell’ambito del trasporto ferroviario nei territori di Vicenza, Padova e Mestre da parte di Trenitalia Spa e del Gruppo Ferrovie dello Stato, che impedisce il libero esplicarsi di una vera e propria concorrenza di settore e il conseguimento di benefici tangibili a tutti gli utenti del trasporto ferroviario e non solo a quelli delle città interessate e rispettive province e/o territori". L’Associazione, infine, non comprende la disparità di trattamento riservata alle 3 città venete se rapportata alla previsione, invece, di diverse fermate (Milano Lambrate, Brescia, Desenzano, Peschiera del Garda) lungo la tratta Milano – Monaco degli stessi treni DB-ÖBB.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)