"Oltre al bollino blu per certificare lo stato di sicurezza dei velivoli, chiediamo un altro indicatore che sappia far riconoscere a colpo d’occhio all’utente, la compagnia che meglio rispetta determinati canoni di correttezza". E’ questa la proposta del Presidente dell’Adoc Carlo Pileri a seguito dell’ennesimo caso di passeggeri bloccati a terra per oltre venti ore in attesa di decollo, questa volta da Fiumicino verso Bangkok.

"Serve una certificazione – spiega Pileri – che permetta al cittadino di riconoscere, ancor prima di acquistare un biglietto, la correttezza della compagnia a cui si sta rivolgendo. Frequenza dei casi di overbooking e dei ritardi frequenti, presenza e cortesia del personale di volo e di terra, trattamento e capacità di fornire soluzioni alternative in caso di cancellazione voli: il tutto riassunto in un indicatore a garanzia di qualità". L’Adoc invoca un tavolo per discutere la proposta. "L’Ente – conclude Pileri – dovrebbe discutere con i consumatori delle proposte che arrivano dagli utenti che più spesso subiscono i disagi. Sul tavolo oltre a questa, l’ente dovrebbe già avere quella che riguarda il bollino blu da apporre sui biglietti per le compagnie che rispettano in toto gli standard di sicurezza e quella dell’apertura del traffico aereo da e per la Sardegna alle compagnie low cost, interrompendo l’oligopolio di due sole compagnie".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)