"Un servizio sicuramente con grandi potenzialità, ma anche con molte insidie sulle modalità di pagamento, le quali si presentano macchinose e leggermente ingannatrici". Così Codici esprime perplessità sul servizio Telepay che consente di acquistare i titoli di viaggio Atac con un sms.

"A neppure un mese di distanza dall’entrata in vigore di questo servizio – denuncia Codici – arrivano le prime lamentele da parte degli utenti, sulle difficoltà nel poter usufruire del servizio. Con l’entrata del Telepay, non solo si è introdotta una discriminazione tra i cittadini più facoltosi ed i meno abbienti, considerando che con questa modalità il biglietto viene a costare 15 centesimi in più, ma si è avuta anche la beffa di non riuscire ad usufruirne".

"La reperibilità dei biglietti, quindi, continua ad essere un problema reale per i romani, considerando che in alcune zone di Roma si ha difficoltà a reperire i Bit cartacei e spesso le macchine dispensatrici di titoli di viaggio non funzionano", continua l’associazione che "invita il Comune di Roma a prendere in seria considerazione un simile problema, soprattutto alla luce del fatto che, in queste ultime settimane, sui mezzi pubblici sono stati intensificati i controlli da parte degli operatori addetti".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

 

Parliamone ;-)