Le associazioni dei consumatori (Acu , Assoutenti, Cittadinazattiva, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) denunciano la notevole carenza di organico di cui soffre il Tribunale di Genova. L’allarme lanciato riguarda soprattutto la Procura, che ha un numero di Magistrati certamente inferiore alle necessità, anche in considerazione dell’eccezionale carico di lavoro conseguente ai noti fatti del G8.

Secondo le associazioni il risultato di questa situazione è l’indebolimento della sezione antimafia, con due validi magistrati distaccati ad indagare esclusivamente sui reati commessi dai manifestanti in occasione del G8 e del pool che si occupa della pubblica amministrazione, che si ritrova il carico aggiuntivo dei reati commessi dalle Forze dell’Ordine durante il G8.

E’ evidente – si legge in una nota delle associazioni – il pericolo di una minor capacità investigativa sia per i reati di criminalità organizzata che per i reati della pubblica amministrazione, cui devono aggiungersi molti reati di carattere ambientale. Questo per non parlare delle difficoltà investigative che troviamo, come associazioni consumatori, quando nostri associati denunciano truffe di un certo livello organizzativo, come quelle via internet o telefoniche.

In questa situazione – conclude la nota – i molti cittadini che subiscono furti, truffe, respirano aria inquinata e tossica, subiscono ingiustizie dai pubblici uffici e, magari, non sono interessati solo al pallone, si chiedono se non ci sia uno spreco di risorse di difficile giustificazione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)