Assotravel – l’Associazione nazionale delle agenzie di viaggio e turismo aderente a Confindustria – ha realizzato una nuova versione del Servizio sicurezza clienti. Il servizio sarà a disposizione delle agenzie di viaggio italiane "per rimarcare – spiega in una nota l’associazione – il loro ruolo nei confronti dei propri clienti, espressamente finalizzato ad essere riprodotto in agenzia e diffuso anche a mezzo e-mail".

Il Servizio sicurezza clienti è attivo dal 1997, e fino ad oggi era stato uno strumento essenzialmente tecnico destinato ad informare le agenzie di viaggio italiane in merito a profilassi, emergenze ed epidemie in genere nei Paesi di destinazione dei propri clienti. Con il tempo – afferma Assotravel – , questa diffusione ne ha "positivamente delimitato" il raggio di azione prevalentemente nella gestione delle emergenze, in particolare per quello che riguarda i comportamenti giuridici e contrattuali del triangolo tour operator, agenzie di viaggio e consumatore. La nuova versione "partendo dall’informazione e dai temi della tranquillità e della incolumità in viaggio" ha l’obiettivo di "esaltare il ruolo dell’agenzia di viaggio di fiducia che resta il punto di riferimento per comprare una vacanza "informati"".

Il Servizio inoltre rinvia al sito dell’Unità di crisi della Farnesina per quanto riguarda profilassi sanitarie e sicurezza nei Paesi di destinazione, "mirando così, tra le altre cose – spiega ancora Assotravel – a consolidare presso i consumatori il ruolo della Farnesina come unico arbitro per la definizione di una destinazione "a rischio"". Nei link utili si trovano poi i collegamenti con www.airsafe.com (un sito dedicato al livello di rischio di tutte le compagnie aeree operanti) ed il numero verde 800-898121 dell’Enac (Ente nazionale dell’aviazione civile) per quanto riguarda i diritti del passeggero e l’affidabilità delle compagnie aeree.

Infine viene ricordato a tutti i viaggiatori in partenza che, dallo scorso primo agosto, il Ministero degli Esteri ha attivato il sito www.dovesiamonelmondo.it, in cui il turista italiano che si reca all’estero per motivi di varia natura può registrarsi (nel rispetto della normativa sulla privacy), segnalando il Paese di destinazione, il periodo di permanenza all’estero ed altri elementi che possono essere utili a migliorare gli interventi di assistenza, ove possibili, in caso di emergenza da parte dell’Unità di crisi e delle sedi diplomatico-consolari presenti sul posto.

"Sappiamo bene che il tema dello "sconsiglio" è un aspetto su cui occorre assolutamente intervenire dopo le esperienze devastanti, anche e soprattutto per il rapporto con il cliente, dello tsunami e di Sharm – ha affermato il presidente di Assotravel, Andrea Giannetti.- . Come sistema di imprese non è possibile accettare di stare sulla lama del rasoio del rientro o meno della dichiarazione di destinazione a rischio su cui corriamo tutti (agenzie di viaggio, tour operator e clienti). Dobbiamo sforzarci di verificare se ci possano essere soluzioni migliori. Nel frattempo possiamo intervenire con strumenti come il Servizio sicurezza clienti consolidando la conoscenza e la "cultura" presso i consumatori delle competenze in questo campo della Farnesina, unico soggetto super partes e, soprattutto, realmente informato sulla realtà delle differenti situazioni che andiamo ad affrontare. Sono strumenti importanti – ha concluso Giannetti – che rispondono ad uno scenario mutato: le emergenze saranno purtroppo sempre troppo frequenti e dobbiamo dare ai nostri clienti gli strumenti per valutare i viaggi cui comunque, per nostra fortuna, non rinunciano".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)