Le agenzie turistiche hanno l’obbligo di restituire ai consumatori la caparra versata per la prenotazione di una vacanza organizzata nei Paesi mediorientali, qualora ricevano una disdetta scritta. E’ quanto afferma l’Unione Nazionale Consumatori in seguito ai numerosi reclami dei turisti che stanno dando disdetta delle vacanze prenotate in Egitto e nei Paesi vicini dopo i noti fatti terroristici.

L’articolo 7 del decreto legislativo n. 111/1995, fa notare l’Unione Consumatori, ha stabilito infatti che, qualora il recesso del consumatore "dipenda da fatto non imputabile" al consumatore stesso, come sommosse, atti di terrorismo, epidemie, eccetera, l’operatore turistico deve restituire la caparra eventualmente incassata, che solitamente è il 25% del prezzo del pacchetto. E’ del tutto evidente, conclude la nota, che i fatti accaduti in Egitto rientrano in questa fattispecie.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)