In vista delle prossime elezioni europee il Beuc, il Bureau Européen des Unions de Consommateurs, organismo che riunisce 42 associazioni indipendenti di 30 Paesi, propone la sottoscrizione di un "Patto" tra Parlamento europeo e consumatori. Oggi, infatti, l’85% della normativa che stabilisce le regole per i consumatori è definita nella capitale belga. Il Patto riassume i temi chiave per i consumatori europei e le sfide principali che attendono i deputati, invitati a firmare il documento e a rispettarlo una volta eletti.

Otto i punti individuati:

  • Energia e sostenibilità. Garantire che tutti i consumatori europei abbiano accesso a beni di consumo, servizi ed energia senza compromettere le necessità delle generazioni future;
  • Servizi finanziari. Garantire l’accesso a servizi finanziari sicuri e trasparenti;
  • Contratti con i consumatori. Rafforzare i diritti dei consumatori nell’ambito dell’acquisto di beni e servizi;
  • Prodotti alimentari. Contribuire alle scelte informate, migliorando l’accesso a cibi sicuri e sani;
  • Universo digitale. Consentire ai consumatori di avere un ruolo centrale in un mercato digitale sicuro, equo e competitivo;
  • Salute. Porre la salute al primo posto, promuovendo informazioni e servizi sanitari di qualità per tutti;
  • Sicurezza. Garantire prodotti sicuri e ridurre l’esposizione di consumatori e ambiente a sostanze chimiche pericolose.
  • Class action. Rimborsare coloro che hanno subito danni causati dallo stesso operatore commerciale.

Sul www.consumerpact.eu e www.altroconsumo.it l’elenco dei candidati che hanno sottoscritto il Patto.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)