Si è tenuta oggi a Milano la prima riunione della Commissione Affari Legali di Euroshareholders, la confederazione europea degli azionisti di minoranza e dei privati investitori, rappresentata in Italia da Assorisparmio (www.assorisparmio.org). Euroshareholders è un network fondato nel 1992 con sede a Bruxelles, che riunisce 29 associazioni nazionali in Europa e cinque corrispondenti di Paesi extra-UE e, nel complesso, rappresenta circa 350.000 investitori.

"L’obiettivo della ‘Commissione Affari Legali’ che si è riunita oggi per la prima volta a Milano – ha spiegato Paolo Brambilla, vicepresidente di Assorisparmio – è di assicurare una pronta e capillare tutela ai piccoli investitori, in termini di prevenzione e difesa in caso di patologie finanziarie, creando un centro permanente di collegamento fra i legali di tutti i vari Paesi europei, per superare i limiti delle normative locali sfruttando le capacità di lobbyng di Euroshareholders presso le istituzioni europee, e a Bruxelles in particolare, per arrivare a una tutela più ampia, veloce ed efficace dei diritti dei risparmiatori privati ".

Inoltre, grazie ai propri esperti, la commissione Affari Legali di Euroshareholders/Assorisparmio intende dare un contributo proattivo nella proposizione di una normativa europea in materia di class action.

A questo proposito, nell’incontro odierno è stata esaminata e presa in considerazione l’ipotesi di avviare uno studio comparato delle legislazioni nazionali, e conseguenti proposte, in merito a un disegno di regolamentazione UE di una specifica class action europea.
Inoltre è stata valutata l’istituzione di una rete composta da esperti di ciascuno Stato membro che riunisca gli investitori privati coinvolti in disfunzioni e défault di emittenti e di intermediari nel mercato global e con l’obiettivo di concertare azioni comuni di tutela di massa dei risparmiatori.

"A questo proposito, fanno testo i casi già seguiti dall’associazione, come per esempio, la vicenda della banca franco-belga Fortis, nazionalizzata dallo Stato belga senza interpellare gli azionisti, che hanno chiesto e ottenuto dai giudici olandesi di cancellare l’azione. Inoltre, abbiamo seguito anche i casi anche Santander, Lheman Brothers e Parmalat, dove gli obbligazionisti hanno ottenuto un rimborso nella misura del 20%", ha aggiunto Brambilla, precisando che Assorisparmio si propone attualmente come collettore dei piccoli azionisti e obbligazionisti Alitalia.

"Ricordiamo infine che negli Stati Uniti e in altri Paesi europei è già possibile da tempo utilizzare le class action, le azioni legali collettive con un rilevante potere contrattuale", ha concluso il vicepresidente di Assorisparmio.

di Flora Cappelluti

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)