Poste Italiane e Adiconsum hanno portato a termine la prima procedura di Conciliazione Bancoposta. Il caso discusso ha riguardato un correntista a cui è stato accreditato, sul conto corrente, un assegno con un forte ritardo. La commissione di Conciliazione, formata da un rappresentante dell’Adiconsum e da un rappresentante di Poste Italiane, ha trovato un accordo riconoscendo al cliente un rimborso di 170 euro per il disagio subito.

Poste ricorda che la Conciliazione è una procedura extragiudiziale che ha come obiettivo quello di ristabilire un rapporto di fiducia fra Poste Italiane ed un correntista che ha subito un disservizio. Scopo della procedura è dunque quello di risolvere in modo semplice, veloce e gratuito eventuali controversie collegate al Conto. I correntisti BancoPosta (solo persone fisiche) possono fare domanda di Conciliazione dopo aver presentato un reclamo a cui non è stata data una risposta soddisfacente entro i termini previsti.

Per chiedere la Conciliazione – si legge dalla nota – basta compilare il modulo disponibile gratuitamente in tutti i 14mila uffici postali, su www.poste.it e nelle sedi locali delle Associazioni. Le domande potranno essere presentate presso gli uffici postali, le sedi delle Associazioni oppure inviate direttamente a Poste Italiane – Segreteria Conciliazione BancoPosta – Direzione Communication & Advertising – Viale Europa n. 175 – 00144 Roma; via fax al numero 06.59582772.

Per informazioni consultare www.poste.it, chiamare il numero gratuito 803.160 oppure contattare le Associazioni dei Consumatori che hanno firmato l’accordo: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Arco, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori ed Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori Acli, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)