Si è svolto, promosso dal Forum Diritto A Comunicare e sostenuto dall’Assessorato alla Tutela dei Consumatori e Semplificazione Amministrativa della Regione Lazio, presso la Sala Garigliano di via Rosa Raimondi Garibaldi un interessante seminario dedicato al tema del diritto a comunicare che ha visto la partecipazione dei lavoratori della settore, sindacalisti, responsabili di associazioni, esperti e naturalmente rappresentanti dell’Assessorato.

I partecipanti, nel corso del dibattito, hanno valutato con preoccupazione la grave emergenza monopolistica ed anticostituzionale del sistema comunicativo e radiotelevisivo italiano, che non ha riscontri nel panorama europeo. A fronte di ingenti risorse drenate dai cittadini-utenti e del lavoro fornito dagli addetti in condizioni precarie, il sistema italiano restituisce una inaccettabile carenza di pluralismo e di qualità di programmi e di servizi, un danno crescente alla produzione ed alla economia italiana, una completa negazione dei diritti comunicativi – attivi e passivi – dei cittadini paganti, una mortificazione del lavoro e delle professionalità implicate. Tra le proposte avanzate quella della cancellazione della legge Gasparri e del relativo codice radiotelevisivo, lanciando l’idea di un riassetto del sistema comunicativo e radiotelevisivo, decentrato, basato sul diritto a comunicare (Unesco 1984) e sulle norme della nostra Costituzione con riferimento agli art. 21 e 43.

A margine del convegno di studi l’Assessore Mario Michelangeli ha dichiarato che "non potrà mancare l’impegno della Regione per un ruolo che garantisca pluralismo e diritti, escludendo situazioni di monopolio che non raramente determinano l’essere di una comunicazione deviata e deviante. Nel convegno che abbiamo realizzato a Fiuggi agli inizi di novembre – aggiunge Michelangeli – abbiamo incluso nel programma generale del nostro Assessorato un vero e proprio capitolo su tale argomento portandolo al confronto con le diverse associazioni consumeristiche del Lazio. Non casualmente abbiamo precisato che il diritto a comunicare è il presupposto della partecipazione cosciente dei cittadini e delle loro rappresentanze rispetto alle istituzioni.

Siamo impegnati a stilare una prima "Carta Regionale del Diritto a Comunicare" per ottenere garanzie di oggettività e trasparenza nonché la riqualificazione e l’innovazione degli strumenti tecnici. Abbiamo definito – conclude l’Assessore – un piano regionale di riassetto delle risorse e dei servizi e un piano regionale di formazione in materia di cultura e di diritti comunicativi dei cittadini-utenti senza escludere i lavoratori del settore. Questa esperienza, per quanto regionale, difficilmente non potrà rappresentare un significativo punto di riferimento da divulgare in Italia ed oltre i nostri confini".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)