Ci sembra di difficile attuazione un taglio della accise per frenare il caro benzina. Comunque si tratta di una decisone politica, deve essere il governo a decidere". Lo ha affermato il presidente dell’Unione petrolifera, Pasquale De Vita nel corso della presentazione libro sul "Traffico petrolifero e sostenibilità ambientale" che si è svolta questa mattina a Roma. Secondo De Vita, le difficoltà derivano da fatto che "se continua il calo dei consumi di benzina registrato nei primi sei mesi, il gettito da questa voce calerà di 100-200 milioni di euro nel 2005".

"In ogni caso il nostro mercato – ha aggiunto il presidente dell’Unione – ha registrato molto più lentamente gli aumenti dei prezzi internazionali, a cui si accompagna, oltre tutto, un cambio euro-dollaro meno favorevole".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)