Il Ministero degli Affari Esteri ha tolto Sharm El Sheikh dalle mete turistiche sconsigliate. La Farnesina però continua a raccomandare la "massima cautela" per chi voglia andare nei siti turistici dell’Egitto. "Nella notte tra il 22 e il 23 luglio – si legge nell’ avviso pubblicato sul sito internet www.viaggiaresicuri.mae.aci.it – tre esplosioni hanno colpito alcuni alberghi a Sharm el Sheikh, nel Sinai, facendo registrare feriti e morti, anche italiani. Il governo egiziano ha elevato le misure di sicurezza e di protezione anche nelle altre località turistiche del Paese. Permangono rischi di atti terroristici in siti turistici del Paese, in particolare nel medio e alto Egitto. Si raccomanda di adottare la massima cautela e di seguire scrupolosamente le indicazioni sulla sicurezza fornite in loco dalle autorità egiziane alla voce "sicurezza"".

Federconsumatori critica la decisione del Ministero: secondo l’associazione, la Farnesina avrebbe "ceduto alle pressioni di lobby interessate a far proseguire comunque i viaggi". In seguito all’eliminazione dello "sconsiglio", infatti, chi ha già prenotato una vacanza a Sharm e non vuole partire è soggetto alle penali previste dal contratto di viaggio.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)