Ecobonus

Come usare l'Ecobonus previsto dal decreto rilancio

Gli italiani non hanno una propensione naturale ad assicurarsi, almeno quando si tratta della propria abitazione. Questo è quanto emerge dal report ANIA Trends – Focus assicurazione incendio abitazioni civili sulle polizze attive al 31 marzo 2019, secondo cui la tendenza è quella di non adottare alcun tipo di protezione o farlo solo se obbligatorio.

Dal report, spiega l’associazione Altroconsumo, emerge che meno del 50% delle case è coperto contro il rischio di incendio e in un caso su cinque si tratta di polizze quasi “obbligate” (legate alla stipula di un mutuo). Per quanto riguarda le assicurazioni contro le calamità naturali, emerge che solo il 3% degli italiani ne ha sottoscritta una.

Tuttavia Altroconsumo ha rilevato un aumento verso questo tipo di tutele e, per questo, ha deciso di includere nella sua analisi periodica sulle polizze multirischio quei prodotti che oltre alle tradizionali garanzie (incendio, responsabilità civile, furto…) offrono anche la copertura per le calamità naturali (terremoto, inondazione e alluvione).

La classifica di Altroconsumo

Nella classifica Altroconsumo delle migliori polizze casa senza calamità naturali ai primi posti ci sono Generali Italia, UnipolSai e Zurich. In quelle con calamità naturali ai primi posti si trovano Reale Mutua, UnipolSai, Aviva e Axa.

 

Polizze casa senza calamità (Fonte: Altroconsumo)
Polizze casa senza calamità (Fonte: Altroconsumo)

 

Polizze casa con calamità (Fonte: Altroconsumo)
Polizze casa con calamità (Fonte: Altroconsumo)

Polizze casa, metodologia di analisi

Le polizze prese in esame dall’Organizzazione sono state 25 (con una quota di mercato superiore all’80% per il rischio incendio ed elementi naturali). Salgono a 32 contando anche i prodotti per calamità naturali abbinati.

Si specifica che i premi sono basati su una famiglia di Milano con un appartamento di novanta metri quadri, senza antifurto, al quarto piano in un palazzo di sette, pagato 300.000 euro e costruito nel 1980.

Le garanzie offerte sono acqua condotta, ricerca e riparazione del guasto, fenomeni elettrici ed atmosferici e furto (massimale di 5.000 euro), incendio e responsabilità civile capofamiglia (famiglia di tre persone più un cane, con massimale di 1 milione di euro).

Per le calamità naturali, invece, la città presa in esame è Brescia, con rischio sismico pari a 2 in una scala da 1 a 4.

“L’indagine è stata condotta attraverso una valutazione di qualità basata sull’analisi globale delle coperture, tenendo conto anche degli eventuali sottomassimali, delle franchigie e degli scoperti. – Spiega Altroconsumo – Il giudizio globale è una media ponderata dei voti delle singole coperture che tengono conto delle varie voci ricomprese”.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)