Collaborare per rendere i beni confiscati immediatamente fruibili dalla comunità: questo uno degli obiettivi principali del protocollo d’intesa firmato fra Autorità nazionale anticorruzione (Anac) e Labsus. L’intento è quello di diffondere la cultura della legalità e della trasparenza. La collaborazione porterà alla realizzazione di iniziative congiunte di sensibilizzazione, comunicazione e formazione in materia di anticorruzione e amministrazione condivisa.

“Sul fronte della legalità, l’avvio di una collaborazione con l’Autorità anticorruzione costituisce per Labsus, semmai ce ne fosse stato bisogno, la conferma che la propria azione si colloca pienamente dentro l’orizzonte dello Stato di diritto – si legge in una nota stampa – Sul fronte della trasparenza, il protocollo rappresenta poi un riconoscimento del peculiare meccanismo di vigilanza dell’amministrazione condivisa, in cui sono i cittadini stessi, insieme con il comune, a verificare che la cura dei beni comuni sia svolta correttamente ed efficacemente”.

“Per Labsus è una grande sfida ma anche una grande opportunità, sia dal punto di vista della possibilità di approfondire sul piano scientifico e ai più alti livelli una tematica delicatissima come quella dei beni confiscati, intesi però in questo caso come beni comuni, sia su un  piano culturale e politico in senso lato, per ampliare il campo di applicazione dell’amministrazione condivisa dei beni comuni“, commenta il Presidente di Labsus Gregorio Arena.

La collaborazione riguarderà soprattutto i beni confiscati che sia Labsus, sia il presidente Anac Raffaele Cantone considerano beni comuni. “I beni confiscati sono beni comuni per eccellenza: dimostrano la vittoria della legalità contro una ricchezza accumulata illecitamente e, una volta che sono messi a disposizione della collettività, rappresentano la possibilità di dare un’alternativa concreta a una gestione tutta privatistica – afferma il presidente dell’Anac Cantone – Portare al loro interno iniziative mirate, per diffondere nella società civile la cultura della legalità e dell’anticorruzione, assume dunque un significato doppiamente rilevante”. Verranno avviate iniziative congiunte per studiare la possibilità di applicare il Regolamento e i patti per l’amministrazione condivisa anche ai beni confiscati, in modo tale da rendere tali beni immediatamente fruibili dalle comunità di riferimento.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Direttrice di Help Consumatori. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, società e ambiente, bambini e infanzia, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Hobby: narrativa contemporanea, cinema, passeggiate al mare.

Parliamone ;-)