Autogrill chiude con le gabbie. L’azienda italiana, leader assoluto della ristorazione veloce, ha infatti pubblicato il suo impegno a non utilizzare più uova e ovoprodotti da galline in gabbia in tutta Europa entro il 2025. La decisione arriva dopo un intenso dialogo avviato con Anilmal Equality e altre organizzazioni e si prefigura come una notizia molto importante non solo per il settore alimentare italiano ma anche per quello di molti altri paesi, dal momento che la società di ristorazione opera in 31 Stati.

Una buona notizia anche per gli animali. Le galline allevate in gabbia infatti sono private di ogni possibilità di esprimere i loro comportamenti naturali, come dimostrano le investigazioni realizzate proprio da Animal Equality in Italia negli ultimi mesi.

L’attesta crudeltà del trattamento sta incontrando l’opposizione di un numero sempre crescente di aziende del settore alimentare, che a seguito delle richieste dei consumatori stanno lavorando per far scomparire le gabbie dagli allevamenti di galline. L’impegno di Autogrill infatti si affianca a quelli già assunti da di Ferrero, Esselunga, Divella e Giovanni Rana.

Ci auguriamo che anche molte aziende concorrenti di Autogrill, come Chef Express, decidano di unirsi al trend e si allontanino dalle gabbie per le galline per sempre”, dichiara Matteo Cupi, Direttore Esecutivo di Animal Equality Italia.

Eliminare le gabbie di certo non significa eliminare la crudeltà, una condizione intrinseca degli allevamenti, ma rappresenta un primo passo verso la riduzione della sofferenza negli allevamenti. Continueremo a lavorare per spingere le aziende a fare la loro parte e migliorare così le condizioni di vita degli animali coinvolti nella loro filiera”, conclude Cupi.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)