Europa, quali tutele per i giovani consumatori?

Europa, quali tutele per i giovani consumatori?

Nel 2020 diminuisce in Italia la speranza di vita alla nascita, che “perde” un anno e due mesi ma con punte molto più alte nelle province dove il Covid ha colpito di più. Sempre nel 2020 quasi un quarto dei giovani non studia e non lavora, percentuale che diventa di un giovane su tre al Sud.

Sono solo due dei fenomeni più evidenti che emergono dalle misure del Benessere equo e sostenibile dei territori diffuso oggi dall’Istat. Su molte differenze territoriali, che ricalcano il gap fra Nord e Sud Italia, ha avuto un impatto forte la pandemia. Alcune differenze fra territori sono legate alle diversità strutturali fra Nord e Sud – ma non tutte.

Nei campi Salute, Istruzione, Lavoro e Benessere economico, evidenzia l’Istat, ci sono differenze nette e strutturali fra Centro-Nord e Sud ma le differenze si attenuano per le conseguenze della crisi sanitaria, col risultato che c’è «una tendenziale convergenza dell’insieme delle province italiane verso livelli più bassi nella speranza di vita alla nascita, dei tassi di occupazione e dei livelli di partecipazione alla formazione continua, e verso una maggiore incidenza di persone di 15-29 anni che non sono occupate né inserite in un percorso di istruzione (Neet)».

 

anziani

 

Benessere equo e sostenibile e speranza di vita

Sul capitolo Salute c’è da registrare sicuramente la riduzione della speranza di vita alla nascita.

«Nel 2020, la diffusione della pandemia da Covid-19 e il forte aumento del rischio di mortalità che ne è derivato – evidenzia l’Istat – ha interrotto bruscamente la crescita della speranza di vita alla nascita che aveva caratterizzato il trend fino al 2019, facendo registrare, rispetto all’anno precedente, una contrazione pari a 1,2 anni. Nel 2020, l’indicatore si attesta a 82 anni (79,7 anni per gli uomini e 84,4 per le donne)».

A livello provinciale la speranza di vita si riduce nelle aree del Paese a più alta diffusione del virus durante la fase iniziale della pandemia. Tra queste ci sono le province di Bergamo, Cremona e Lodi dove per gli uomini si è ridotta rispettivamente di 4,3 e 4,5 anni, seguite dalla provincia di Piacenza  (-3,8 anni). Negli stessi territori sono ingenti anche le variazioni riscontrate tra le donne: -3,2 anni per Bergamo, -2,9 anni per Cremona e Lodi e – 2,8 anni per Piacenza.

Istruzione, Neet quasi un giovane su quattro

Drammatici anche i dati del Benessere equo e sostenibile relativi all’istruzione e alla quota di giovani che non studiano né lavorano, che in media nazionale sono quasi uno su quattro.

«Dopo alcuni anni di diminuzione, la percentuale di giovani che non lavorano e non studiano (Neet) torna a salire, raggiungendo nel 2020 il 23,3% in media-Italia (+1,1 punti percentuali rispetto al 2019). Il trend è accentuato al Nord (16,8%; +2,3 punti) e al Centro (19,9%; +1,8 punti). Il Mezzogiorno, che registra invece una contrazione modesta (-0,4 punti), resta comunque su livelli doppi rispetto al Nord, con circa un giovane di 15-29 anni su tre che non è inserito in un percorso di istruzione o formazione né è occupato (32,6%)».

In alcuni territori il fenomeno dei Neet è ancora più accentuato. La quota di giovani che non studia e non lavora tocca il 40% a Messina, Catania e Caltanissetta, arriva a quasi la metà (48%) nella provincia di Crotone. Fortissima la distanza da Pordenone (10,7%), Ferrara (11,1%) e Sondrio (11,9%), le province più virtuose. In generale, tra il 2010 e il 2020 l’incidenza dei Neet aumenta per quasi i due terzi delle province.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)