Parte la mobilitazione dei cittadini europei per chiedere lo stop all’uso delle gabbie negli allevamenti. Domani a Bruxelles una grande coalizione di ong lancerà l’iniziativa al Parlamento europeo con una mostra dedicata. Altri eventi seguiranno in giro per l’Europa, mentre in Italia l’evento di lancio è in agenda per il 16 ottobre. Così oltre associazioni di 24 paesi europei promuoveranno l’Iniziativa dei Cittadini Europei End the Cage Age (Stop all’era delle gabbie) che chiede la fine dell’uso di ogni tipo di gabbia per allevare animali a scopo alimentare.

L’iniziativa è stata registrata in questo mese dalla Commissione europea e ha l’obiettivo dichiarato di porre fine al “trattamento disumano degli animali d’allevamento” tenuti in gabbia. Gli organizzatori chiedono alla Commissione di proporre una legislazione che vieti l’uso delle gabbie per galline ovaiole, conigli, pollastre, polli da carne riproduttori, quaglie, anatre e oche; stalli da parto per scrofe; box per scrofe e box individuali per vitelli, laddove non già proibiti.

In Italia hanno aderito 16 associazioni: Amici della terra Italia, Animal Equality, Animal Law, Animalisti Italiani, CIWF Italia Onlus, Confconsumatori, ENPA, Il Fatto Alimentare, LAC – Lega per l’abolizione della caccia, LAV, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, LEIDAA, Jane Goodall Institute Italia,Partito Animalista, Terra Nuova, Terra! Onlus.

Le specie che oggi sono ancora legalmente allevate in gabbia nell’Unione Europea sono conigli, galline, quaglie, scrofe e vitelli – dicono i promotori in una nota – Si tratta di oltre 300 milioni di animali ogni anno, costretti a vivere all’interno di un sistema crudele che limita in maniera importante le loro libertà e non permette loro di esprimere gli specifici comportamenti naturali”. Il  meccanismo dell’iniziativa dei cittadini europei prevede che, nell’arco di un anno, siano raccolte un milione di firme in almeno sette Stati Ue per fare il modo che la Commissione si pronunci sull’argomento. Si tratta, spiegano ancora dalla coalizione, di un cambiamento enorme nel sistema della produzione di cibo, che potrebbe rappresentare “ il più monumentale impatto sul sistema dell’allevamento mai avvenuto finora”.

Il lancio dell’iniziativa si terrà a Bruxelles domani mattina e sarà accompagnato da una mostra e una conferenza dedicate. Altri lanci nazionali sono previsti in ottobre in diversi Stati Membri (Francia, Spagna, Italia, Grecia, Polonia, Olanda) per creare maggiore consapevolezza su quanto le gabbie siano un sistema arcaico e per raccogliere sostegno da parte dei cittadini europei per mettere fine all’uso delle gabbie. In Italia l’evento di lancio si terrà il 16 ottobre alla Camera dei Deputati, con una conferenza stampa e l’installazione di una mostra dedicata.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)