Alle 08.05 di questa mattina, la Linea 1 della metropolitana di Milano, alla fermata Uruguay ha frenato bruscamente procurando contusioni e ferite a una decina di passeggeri. Secondo quanto riferito dall’Atm, l’azienda tranviaria milanese, a provocare la frenata sarebbe stato “il sistema d’emergenza, sollecitato dal rilevamento di qualche anomalia”. Una “anomalia rilevata dai sensibilissimi sistemi di monitoraggio che è bastata a far cadere chi non erano ben attaccate ai sostegni nelle carrozze”.

Gli accertamenti sulla dinamica sono a carico della Polmetro della Polizia di Stato.

La Polizia Locale riferisce che l’incidente ha provocato una interruzione della circolazione, limitato ad alcune fermate della Linea 1, per poco meno di un’ora, e sono state chiuse alcune strade adiacenti all’uscita della fermata di Uruguay per agevolare i soccorsi.

La maggior parte dei pazienti soccorsi dal 118 lamentano mal di schiena o cervicale e contusioni lievi, solo un uomo di 58 anni è stato trasportato in ospedale con un codice giallo per sospetta frattura.

Intanto il Codacons ricorda che “Tutti coloro che erano sul treno teatro della vicenda e che hanno subito danni anche di piccola entità, come lividi, graffi o contusioni, possono agire per ottenere il giusto risarcimento”, spiega il Codacons, “In tal senso invitiamo Atm ad aprire un tavolo con le associazioni dei consumatori per giungere ad indennizzi automatici in favore dei passeggeri coinvolti, e a riconoscere una estensione gratuita della durata degli abbonamenti come forma di risarcimento della collettività per i ritardi sull’intera linea seguiti all’incidente odierno”.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)