Arriva il Passaporto europeo delle competenze per la ricettività, uno strumento che agevola il contatto tra le persone in cerca di lavoro e i datori di lavoro nel settore ricettivo e turistico in Europa. Inaugurato oggi dalla Commissione europea, il Passaporto consente ai lavoratori e ai datori di lavoro di superare le barriere linguistiche e di comparare le competenze dei lavoratori del settore della ricettività al fine di agevolarne l’assunzione. Ospitato dal Portale europeo della mobilità professionale EURES, il Passaporto delle competenze è disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’UE. In futuro il Passaporto sarà esteso ad altri settori.
László Andor, commissario dell’UE responsabile per l’occupazione, gli affari sociali e l’inclusione, ha affermato: “Il Passaporto europeo delle competenze per la ricettività è un importante strumento pratico volto ad incoraggiare la mobilità dei lavoratori europei, soprattutto i giovani, in un settore che presenta grandi potenzialità di crescita. Questa iniziativa è anche un buon esempio dei risultati del dialogo sociale tra le organizzazioni dei lavoratori e quelle dei datori di lavoro a livello europeo e ci auguriamo che questa cooperazione venga estesa anche in altri settori del mercato del lavoro.”
Il Passaporto delle competenze è un’iniziativa della Commissione in associazione con le organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro nel settore ricettivo: HOTREC, l’associazione centrale che rappresenta gli alberghi, i ristoranti, i bar e strutture affini in Europa nonché EFFAT, la Federazione europea dell’alimentare, dell’agricoltura e del turismo e affini.
Nel Passaporto delle competenze i lavoratori possono registrare in un formato di facile accesso tutte le abilità e competenze acquisite nel corso dell’istruzione, della formazione e dell’esperienza lavorativa pratica. Integra il tradizionale curriculum vitae e consente ai datori di lavoro di superare velocemente le barriere linguistiche ed individuare i lavoratori competenti di cui hanno bisogno per colmare i loro posti vacanti, agevolando quindi un migliore incontro tra l’offerta e la domanda sul mercato del lavoro della ricettività.
Il Passaporto europeo delle competenze per la ricettività è il primo di una serie di passaporti consacrati a settori dell’economia europea contraddistinti da un’elevata mobilità. La Commissione è impegnata a sostenere la mobilità sul mercato del lavoro europeo quale fattore atto a migliorare l’occupazione e continuerà ad adoperarsi con i propri partner per estendere uno strumento come il Passaporto europeo delle competenze ad altri settori che in Europa presentano un’elevata mobilità.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)