“La decisione di Intesa Sanpaolo di consentire la sospensione dei mutui e dei prestiti personali dei dipendenti del Gruppo imolese per un periodo di dodici mesi non può che farci piacere”.Fabrizio Premuti, presidente dell’associazione di tutela dei consumatori Konsumer Italia, commenta così la decisione dei vertici di Banca Sanpaolo di andare incontro ai lavoratori di Mercatone Uno che si sono ritrovati disoccupati dall’oggi al domani.

Plaudiamo alla sensibilità sociale di Intesa Sanpaolo, un esempio che ci auguriamo seguano anche le altre banche presso cui sono in essere mutui e finanziamenti dei dipendenti di Mercatone Uno”, ha concluso Premuti.

Pur soddisfatta per l’iniziativa, l’associazione Konsumer esprime però preoccupazione per la sorte dei finanziamenti dei lavoratori. “Dobbiamo pensare anche a cosa accadrà dopo la sospensione del periodo di dodici mesi se i posti di lavoro non saranno recuperati e domandarci quale sarà la sorte dei lavoratori che già avevano qualche ritardo nel pagamento delle rate” Ha dichiarato l’avv. Massimo Melpignano, responsabile nazionale banca e finanza di Konsumer Italia.

Per questa ragione Konsumer Italia ha richiesto un incontro urgente con i responsabili di Intesa Sanpaolo.

“Vogliamo individuare con Intesa Sanpaolo, e con tutte le altre banche coinvolte in rapporti di finanziamento erogati a dipendenti di Mercatone Uno, soluzioni che possano andare oltre la temporanea sospensione dei mutui, risolvendo il problema definitivamente anche con una diminuzione dell’importo della rata e un allungamento della scadenza”, propone l’avv. Melpignano.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)