Svegliamoci sogniamo… alla riscoperta dei valori della mutualità” è il titolo dell’incontro-confronto che Arci Lombardia, Auser Lombardia, CNCA Lombardia, Legacoopsociali Lombardia e Movimento Consumatori Milano organizzano a Milano il prossimo 8 ottobre:  l’incontro sarà l’epilogo del progetto “Svegliamoci sogniamo”, sostenuto dalla Regione Lombardia, realizzato tra il 2012 e il 2013 dalle associazioni coinvolte e sviluppato a partire dall’esigenza delle associazioni di sciogliere il nodo della modernità nella ricerca di nuove risorse sia umane che sociali che economiche per far fronte alle rinnovate vulnerabilità sociali e all’urgenza del coinvolgimento dei cittadini nella costruzione di un welfare efficace, universale e sostenibile.
Nel corso dell’evento si parlerà “di un welfare non risarcitorio, in grado di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana visto quindi come un investimento per lo sviluppo locale e del paese la mutualità è un potente strumento per associare le persone rispetto a problemi concreti, di definizione delle condizioni di possibilità perché le risposte ai bisogni sociali si basino sul protagonismo della persona (a partire da chi vive il bisogno) e delle comunità” come ha anticipato Sergio Silvotti, di Arci Lombardia e coordinatore del progetto.
Da qui l’esigenza di presentare e condividere con la cittadinanza e con diverse anime del terzo settore esperienze e proposte per una promozione della mutualità.
Per Silvotti “trovare risposte ai bisogni individuali delle persone, e in particolare di coloro che vivono una sempre più accentuata e rischiosa condizione di vulnerabilità, è tutt’uno con la ricerca di nuove forme sia organizzative sia di azione collettiva”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)