Il 15 giugno inizia la campagna per la mobilità sostenibile “A ciascuno il suo”. Obiettivo dell’iniziativa è quello di diffondere una maggiore attenzione all’apprendimento e al rispetto delle attuali norme che regolano la circolazione stradale e allo stesso tempo promuovere con forza una cultura della responsabilità individuale e della “cura” dell’altro tra coloro che in strada si muovono, gli utenti più “deboli”, come ciclisti e pedoni, in particolar modo anziani e l’utenza “forte”, ovvero automobilisti e motociclisti. Sabato, pedoni e ciclisti, definiti gli “utenti deboli” della strada, si daranno appuntamento nelle principali piazze dell’Emilia Romagna, per alzare l’attenzione sulla sicurezza stradale.
Camminatori e ciclisti, assieme alle associazioni aderenti alla campagna (Legambiente, Fiab, Touring Club Italiano, Trekking Italia, Uisp, WWF, Consulta Escursionismo Bologna, Cittadinanza Attiva, Associazione Italiana Giovani Vittime della Strada, CGIL, FITeL) daranno luogo a passeggiate, pedalate, animazioni, flash mobs: cittadini in bici e a piedi che indosseranno, ostenteranno, trasporteranno e si passeranno il cuscino, mascotte dell’evento, per farsi immortalare e per promuovere il rispetto tra tutti gli utenti della strada.
Appuntamento principale a Bologna, alle ore 10:30 in Piazza dei Martiri, che per l’occasione sarà ribattezzata “Piazza dei Martiri e delle Vittime della Strada”. Pedoni e ciclisti metteranno in atto azioni morbide di sensibilizzazione dei passanti, affiggendo cuscini attorno alla rotatoria, con una pedalata simbolica attorno alla Piazza. L’iniziativa si concluderà alle 12:15 in Palazzo D’Accursio dove i manifestanti incontreranno l’Assessore alla mobilità Colombo, a cui consegneranno i “10 punti per una Mobilità Etica e Responsabile” ed il Cuscino, simbolo della campagna.
A questo link il video dell’iniziativa:
http://aciascunoilsuo.info/?p=865
A questo link i dettagli di tutte le iniziative:
http://aciascunoilsuo.info/?p=877

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)