Povertà ed esclusione sociale, Caritas Italiana: i giovani tra i più colpiti

Povertà ed esclusione sociale, Caritas Italiana: i giovani tra i più colpiti

Non esiste una sola povertà: ce ne sono tante, acuite dai disastrosi effetti della pandemia, ancora in corso, e dalle ripercussioni della vicina guerra in Ucraina. Nel 2021 i poveri assoluti nel nostro Paese sono stati circa 5,6 milioni, di cui 1,4 milioni di bambini: è quanto emerso dal Rapporto su povertà ed esclusione sociale, dal titolo “L’anello debole”, presentato oggi da Caritas Italiana, in occasione della Giornata internazionale di lotta alla povertà.

Povertà ed esclusione sociale, il Rapporto Caritas

Nel 2021, nei soli centri di ascolto e servizi informatizzati, le persone incontrate e supportate sono state 227.566 persone. E solo nel 2021 quasi 2.800 Centri di Ascolto Caritas hanno effettuato oltre 1,5 milioni di interventi, per poco meno di 15 milioni di euro, con un aumento del 7,7% delle persone che hanno chiesto aiuto rispetto all’anno precedente. Ed anche nel 2022 i dati raccolti fino a oggi confermano questa tendenza.

Complessivamente le persone senza dimora incontrate sono state 23.976, pari al 16,2% dell’utenza. Si rafforza, inoltre, la correlazione tra stato di deprivazione e bassi livelli di istruzione. Cresce infatti, secondo il Rapporto, il peso di chi possiede al massimo la licenza media, che passa dal 57,1% al 69,7%. Strettamente correlato al livello di istruzione è, inoltre, il dato sulla condizione professionale, che racconta molto delle fragilità di questo tempo post pandemico.

Non si tratta sempre di nuovi poveri, dunque, ma anche persone che oscillano tra il dentro e fuori dallo stato di bisogno. Tra questi, coloro che, pur lavorando, sono poveri (working poor), oggi rappresentano il 13% degli occupati. Il 23,6% di quanti si rivolgono ai Centri di Ascolto sono lavoratori poveri.

Risulta, inoltre, ancora marcato anche nel 2021 il peso delle povertà multidimensionali: nell’ultimo anno il 54,5% dei beneficiari Caritas ha manifestato due o più ambiti di bisogno. In tal senso prevalgono, come di consueto, le difficoltà legate a uno stato di fragilità economica, i bisogni occupazionali e abitativi; seguono i problemi familiari (separazioni, divorzi, conflittualità), le difficoltà legate allo stato di salute o ai processi migratori.

 

povertà, rapporto caritas

 

I giovani tra gli “anelli deboli”

Tra gli “anelli deboli”, i giovani, colpiti da molte forme di povertà: dalla povertà ereditaria, per cui occorrono almeno cinque generazioni a una persona che nasce in una famiglia povera per raggiungere un livello medio di reddito; alla povertà educativa, tanto che solo l’8% dei giovani con genitori senza titolo superiore riesce a ottenere un diploma universitario.

È stata condotta, inoltre, un’indagine in 10 Paesi europei, con la collaborazione di Caritas Europa e Don Bosco International, avente come obiettivo lo studio della delicata fase di transizione scuola-lavoro, riferita a giovani e adolescenti che vivono in famiglie in difficoltà e che sono intercettate da Caritas o da Centri di Formazione Professionale (CFP) dei Salesiani. Secondo i dati raccolti presso un campione di giovani in cinque paesi, il 41,3% di essi ha vissuto in famiglia gravi problemi economici a causa del Covid; il 44,1% riceve aiuto per pagare le spese scolastiche; il 37,4% non si sente preparato per continuare gli studi; il 57,1% non si sente pronto ad entrare nel mondo del lavoro; il 78,6% non è stato aiutato da nessuno a scuola per orientare il proprio futuro.

L’ascolto dei direttori dei CFP Salesiani conferma, quindi, l’impatto del Covid-19: per almeno quattro studenti su cinque, la pandemia ha influito significativamente nella pianificazione del loro futuro, soprattutto in termini negativi. Tenendo conto che il 90,5% dei ragazzi intervistati non ha mai partecipato ad esperienze di scambi internazionali, appare importante l’attività di sostegno fornita su questo ambito dai CFP (47 centri su 67).

Il Rapporto si conclude con una valutazione delle politiche di contrasto alla povertà, con particolare attenzione alle prospettive di riforma e investimento derivanti dal PNRR e dal programma europeo Next generation EU.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)