A ottobre 2013 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,5% rispetto a settembre. Nella media del trimestre agosto-ottobre l’indice ha registrato una flessione dello 0,3% rispetto al trimestre precedente». È quanto rileva l’Istat.  Secondo Federconsumatori, tuttavia, si tratta di una ripresa del tutto insufficiente: “La disoccupazione al 12,5% e quella giovanile addirittura la 41% dimostrano come qualsiasi cenno di ripresa sia ancora lontanissimo e, allo stato attuale, improbabile”.
Motivo per cui – aggiunge l’Associazione – bisogna agire il prima possibile, creando nuove possibilità di lavoro per i giovani attraverso un piano, ormai improrogabile, di rilancio degli investimenti per lo sviluppo e la ricerca.
“È necessario fare di tutto per reperire rapidamente le risorse necessarie, ma senza pesare ulteriormente sulle spalle dei cittadini il cui potere di acquisto, come dimostrano i dati sui consumi, è ormai ridotto ai minimi termini” conclude Federconsumatori. Secondo il Codacons, invece, per invertire seriamente il ciclo economico occorre una rivoluzione fiscale, che dia respiro alle imprese in fallimento e alle famiglie in difficoltà, spostando la tassazione dai consumi ai patrimoni, dall’Iva all’Irpef, dal lavoro alle rendite finanziarie, dai lavoratori dipendenti agli speculatori finanziari.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)