Con il mese di settembre finisce l’estate e la stagione delle vacanze, inizia l’autunno e si riparte con un nuovo anno scolastico. Le scuole hanno riaperto in tutte le regioni e ci si è già messi in moto per acquistare nuovi libri, quaderni e materiale didattico necessario. Tante saranno le attività da programmare nel corso dell’intero anno dalla mensa al corso di teatro, dal pre e/o post scuola alle gite, e tanto altro. Presi dal turbinio di tutti questi eventi in pochi conoscono la possibilità di poter detrarre tutte queste spese scolastiche, ma è opportuno invece esserne bene informati in modo da potersi attivare nei tempi e nelle modalità previste per fruire delle detrazioni previste.

Quali sono nel dettaglio le spese scolastiche che danno diritto all’agevolazione fiscale? La prima cosa da sapere è che sono numerose le spese che rientrano nella detrazione pari al 19% riservata alle spese di istruzione, anche se non c’è un vero e proprio elenco delle voci da consultare, quanto piuttosto diverse indicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate che come per altre tipologie di agevolazioni emette delle circolari esplicative a chiarimento di normative tecniche spesso incomprensibili ai più.

Tra le spese ammesse alla detrazione rientrano, in quanto connesse alla frequenza scolastica, le tasse (a titolo di iscrizione e di frequenza) e i contributi obbligatori. In quanto connesse alla frequenza scolastica, vi rientrano anche i contributi volontari e le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica.

Qualche esempio concreto di spesa detraibile? La mensa scolastica, gli eventuali servizi integrativi di assistenza alla mensa – quali l’assistenza al pasto e il pre e post scuola – anche quando il servizio è reso tramite il Comune o di altri soggetti terzi rispetto alla scuola, le gite scolastiche, l’assicurazione della scuola, ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto – come nel caso di corsi di lingua, teatro – svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza. Non sono invece mai detraibili le spese relative all’acquisto di libri e al materiale di cartoleria.

L’agevolazione riguarda tutte le tipologie di scuole? Importante sapere che la detrazione irpef si riferisce a tutte le spese sostenute direttamente per la frequenza degli istituti scolatici sul territorio nazionale di ogni ordine e grado, ricomprendendo cosi diverse tipologie di scuole, da quelle dell’infanzia (scuole materne) a quelle primarie e secondarie di primo grado (scuole elementari e medie), alle secondarie di secondo grado (scuola superiore).

Sono coinvolti solo le scuole pubbliche nel sistema delle agevolazioni fiscali? No, vi rientrano tutti gli istituti pubblici, statali e degli enti locali, e le scuole private paritarie con la previsione di un importo massimo detraibile per le spese scolastiche sostenute nel 2017 per ciascun alunno o studente pari a 717 euro da presentare mediante il modello 730 nel 2018 con la dichiarazione dei redditi. Per il 2018 e il 2019 invece, la previsione del tetto massimo di spesa detraibile è fissato rispettivamente a euro 786 e euro 800 per ogni alunno o studente. 

Cosa occorre fare per riuscire a usufruire della agevolazione del 19%? Sarà necessario conservare tutti i documenti legati alle spese sostenute – quali ricevute o quietanze di pagamento – in modo da poterne dare contezza tramite la dichiarazione dei redditi. Per tutte le spese versate direttamente alla scuola è sufficiente conservare ed esibire le ricevute del bonifico, mentre per le spese versate in favore di terzi è importante chiedere una copia della delibera scolastica dove viene indicato lo svolgimento di una specifica attività. Per maggiori informazioni è possibile verificare sul sito dell’Agenzia delle Entrate le circolare di riferimento. 

di Claudia Ciriello

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)