Scoppia il caso “schiscetta” anche nella città di Milano: dopo la pronuncia del Tribunale di Torino che ha dato il via libera al panino da casa, anche alcune famiglie lombarde hanno deciso di rinunciare al servizio mensa. Ma è arrivata la posizione netta di Palazzo Marino che nei giorni scorsi ha inviato una circolare a tutte le scuole in cui si sottolinea come l’ordinanza abbia valore solo per i diretti interessati, e quindi solo per i ricorrenti torinesi: “Non si può pretendere di consumare un pasto portato da casa all’interno dei locali della refezione”. Il Codacons, dopo la diffida inviata nei giorni scorsi rimasta priva di riscontro, lancia una class action inibitoria nei confronti del Comune di Milano.

“Il diritto di tutti i bambini di potersi portare il cibo da casa è  una delle battaglie che l’Associazione ha portato avanti per anni, mettendo al primo posto la salute dei bambini che frequentano le mense scolastiche – afferma il Presidente Marco Maria Donzelli dell’Associazione a tutela dei consumatori Codacons – Dato l’atteggiamento ostativo del Comune di Milano, noi ci azioneremo affinchè anche in qui in Lombardia venga riconosciuto il diritto alla schiscetta. Milano Ristorazione deve necessariamente adeguarsi alla recente giurisprudenza”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)