Scuole sicure per tutti: serve una legge! Questo l’invito, l’imperativo e il monito col quale Cittadinanzattiva e Save the Children presenteranno la prossima settimana a Roma un Manifesto per una proposta di legge sulla sicurezza delle scuole che garantisca piena tutela a studenti, insegnanti e personale non docente.

A 10 anni dal terremoto  che ha colpito L’Aquila e i quasi 60 comuni del cratere, le due associazioni insieme a Roma il 2 aprile, alla sala stampa della Camera dei Deputati, presenteranno dunque il Manifesto per una legge sulla sicurezza scolastica all’interno dell’evento “Scuole sicure per tutti: serve una legge!”.

Sono 4 milioni e mezzo gli studenti tra i 6 e i 16 anni residenti in province situate, in tutto o in parte, in aree a pericolosità sismica alta e medio-alta, ricorda Cittadinanzattiva. Per loro, come per tutti i bambini e gli adolescenti della stessa età, andare a scuola è un diritto e un obbligo. L’obiettivo delle due organizzazioni è che venga depositata e discussa in Parlamento una proposta di legge che superi l’attuale frammentazione normativa e garantisca tutti coloro che vivono la scuola e nella scuola spazi sicuri e protetti dove poter apprendere o lavorare senza rischiare la vita.

All’evento interverranno Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Raffaela Milano, Direttrice Programmi Italia-Europa di Save the Children, Antonio Morelli, Pre­si­den­te del “Co­mi­ta­to Vit­ti­me del­la Scuo­la di San Giuliano di Puglia” e Cinzia Caggiano, la mamma di Vito Scafidi, che porteranno le loro testimonianze e il loro contributo. Parteciperanno anche rappresentanti politici dei diversi partiti e schieramenti.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)