“L’Unc è la prima storica associazione di consumatori in Italia, ma sa confermarsi al passo con i tempi grazie ad una straordinaria capacità di restare in contatto con le persone, ogni anno”: così il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori Massimiliano Dona commenta i risultati dell’attività dell’associazione nel 2016. Un anno, rivendica Dona, che ha visto tutti segni più per l’associazione: più visualizzazioni sul sito internet, più lettori per il mensile, più risposte alle segnalazioni dei cittadini. E una costante attenzione alla denuncia delle pratiche scorrette e delle pubblicità ingannevoli, che l’associazione segnala regolarmente all’Antitrust.

 “Abbiamo più che raddoppiato le visualizzazioni sul nostro sito internet, quasi la metà da utenti unici, e duplicato la tiratura del nostro mensile “Le Scelte del Consumatore”. Confrontando i dati con quelli del 2015 c’è da essere soddisfatti: tanto online che offline siamo un punto di riferimento per i consumatori che hanno un problema quotidiano da risolvere – commenta Dona – Inoltre gli iscritti alla nostra newsletter sono saliti del 42% il che significa che le tematiche che vengono affrontate sono in linea con le reali problematiche dei nostri utenti. La cosa che ci rende però veramente orgogliosi sono le innumerevoli segnalazioni giunte ai nostri sportelli, che nel giro di pochi mesi sono aumentate vertiginosamente grazie alla puntualità di risposta del nostro personale che si attesta generalmente nell’ordine delle 48 ore”.

Uno dei risultati rivendicati è l’azione sul digitale e online, fatta attraverso una serie di siti tematici (fra i quali “sicurezzalimentare.it”, “classaction.it”,” ariapulita.consumatori.it”) realizzati “in risposta – spiega ancora Dona – alla tanta disinformazione che riscontriamo ascoltando i reclami dei nostri iscritti. Siamo convinti che questi possano dare al consumatore uno strumento in più per autodifendersi. Per questo, insieme ai nostri due eventi più importanti (il premio Vincenzo Dona e Cose da non credere) nell’ottica di informare abbiamo avviato nel 2016 un ciclo di incontri “ConsumiAmo” il cui obiettivo è educare e informare attraverso il contatto diretto con il consumatore”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)