“Cambiare qualcosa per non cambiare niente”: il famoso mantra del Gattopardo è stato applicato a suo modo dal Consiglio dei Ministri ieri sera, a poche ore dalla scadenza dell’obbligo di risposta alla Commissione UE sulla legge di bilancio.

Il  CdM ha approvato alcune  modifiche al Documento programmatico di bilancio,ma non cambiano i saldi della manovra. Ci sono novità come le dismissioni e un rafforzamento dei controlli e delle clausole di salvaguardia sulla spesa.

La lettera di risposta a Bruxelles ha confermato le scelte di fondo del governo: quota 100 parte subito. Lo spiegano fonti della Lega al termine del Consiglio dei ministri. Il governo conferma saldi e crescita come già previste (2,4% di deficit e 1,5% di crescita). Ci sono anche “le clausole di salvaguardia e i controlli automatici sulla spesa già previsti (con monitoraggio dei conti pubblici ai fini correttivi)”.

Le dismissioni “anche immobiliari” inserite in manovra, in risposta ai rilievi dell’Unione europea, “valgono l’1% del Pil”. E’ inoltre “confermata la destinazione dello 0,2% degli investimenti all’idrogeologico”. In sostanza, affermano dalla Lega, “nessun arretramento di fronte a Bruxelles, il governo spiega le sue ragioni ma va avanti per la sua strada”.

Codice degli appalti, investimenti, misure contro il dissesto idrogeologico e misure a favore della sburocratizzazione: sono queste alcune delle riforme che il governo assicura di voler portare a termine.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)