L’Italia non ha ancora recepito la direttiva europea in materia di farmacovigilanza. Così oggi la Commissione europea ha chiesto formalmente all’Italia – insieme a Danimarca, Paesi Bassi e Slovenia – di provvedere al pieno recepimento della direttiva in materia di farmacovigilanza (direttiva 2012/26/UE).
“Tale direttiva – spiega la Commissione –  stabilisce le disposizioni per il monitoraggio della sicurezza dei medicinali sul mercato europeo e detta norme per la prevenzione, l’individuazione e la valutazione degli effetti collaterali negativi dei medicinali. Il suddetto atto normativo si inserisce nel quadro degli sforzi intrapresi dall’UE per rendere il sistema di farmacovigilanza europeo uno dei più avanzati e completi al mondo e tale da garantire il più elevato livello di protezione della salute pubblica e di sicurezza dei pazienti”. La direttiva doveva essere recepita entro il 28 ottobre 2013. I paesi hanno due mesi di tempo per informare la Commissione in merito alle misure adottate per dare piena attuazione alla direttiva 2012/26/UE. La mancata notifica di misure adeguate potrebbe portare la Commissione a deferire i casi alla Corte di giustizia dell’Unione europea.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)